Tutti gli articoli di admin

Agorart ensemble impegnato in vari seminari e sedute di prova, sino a un concerto conclusivo nell’ambito di un laboratorio di composizione per ensemble al Conservatorio di Siviglia

Domani, sabato 17 febbraio, si tiene il primo dei seminari programmati dal Conservatorio Superior de Música de Sevilla con Agorart ensemble, rivolti a studenti ed ex studenti del Conservatorio spagnolo, per nuove composizioni che saranno realizzate appositamente nel contesto del progetto “Laboratorio di Composizione per ensemble, con Agorart ensemble”, e infine presentate in pubblico al Conservatorio di Siviglia da Agorart ensemble. venerdì 22 marzo, nell’ambito del “IV Encuentro Internacional de Compositores 2024”. Sono nove i compositori coinvolti nel Laboratorio di Agorart. Coordina il progetto Francisco Martin Quintero, docente di Composizione al Conservatorio di Siviglia, Premio Reina Sofia, del quale Agorart ha realizzato varie prime esecuzioni. Gli appuntamenti di seminari e sedute di prova e confronto con i compositori partecipanti sono programmati per i giorni 17 febbraio, 2 marzo, 21 marzo. Mentre il concerto conclusivo si terrà venerdì 22 marzo al Conservatorio Superior de Música de Sevilla.

Sul canale YouTube dell’Associazione Piazza del Mondo l’opera Francisca nella realizzazione di spettacolo dell’11 novembre 2023 all’Auditorium del Conservatorio di Trento

Pubblicato, sul canale YouTube dell’Associazione Culturale “Piazza del Mondo” il video dell’opera Francisca, musica di Cosimo Colazzo, libretto di Giuliana Adamo, regia video e live editing di Francesco Casu. Il video riguarda lo spettacolo realizzato l’11 novembre 2023 all’Auditorium del Conservatorio di musica di Trento. Interpreti: Patrizia Zanardi (Francisca); Roberto Abbondanza (L’Inquisitore); Giuseppe Calliari (voce recitante); MP Saxophone Quartet (E. Dalmaso, M. Grott, F. Corbolini, S. Dalcastgné). Dirige Cosimo Colazzo.

Agorart sarà ensemble in residence al IV Incontro Internazionale di Compositori al Conservatorio Superior di Siviglia

Un importante riconoscimento per Agorart ensemble, che sarà ensemble in residence nell’ambito del IV Incontro Internazionale di Compositori al Conservatorio Superiore di Musica “M. Castillo” di Siviglia in Spagna. L’ensemble collaborerà con otto compositori (studenti ed ex studenti del Conservatorio), nei mesi di gennaio e febbraio 2024, quindi il 22 marzo terrà un concerto con le partiture scritte per il progetto, in prima esecuzione assoluta al Conservatorio di musica di Siviglia.

Gli incontri internazionali di Siviglia sono coordinati dal direttore del Conservatorio di Siviglia, Israel Sánchez López, e da Francisco Martin Quintero, docente di Composizione nello stesso Conservatorio, già vincitore del Premio Reina Sofia, che con Piazza del Mondo e Agorart ha già collaborato in diverse occasioni.

Nel 2022 Agorart è stato in Spagna a Siviglia per un concerto al CICUS, un centro di iniziative culturali dell’Università, che realizza diverse rassegne musicali. In quel caso per una rassegna organizzata in collaborazione con Conservatorio di Siviglia e Zahir Ensemble.

Tutti contesti molto significativi, che evidenziano il riconoscimento anche internazionale per un’attività che i musicisti di Agorart vanno conducendo, da diversi anni ormai, nei criteri dell’impegno per la ricerca musicale, artistica e culturale.

LOCANDINA-PROGRAMMA dell’iniziativa (PDF)

Un concerto che sonda i margini tra jazz e contemporanea. Agorart ensemble alla Sala Filarmonica di Rovereto, venerdì 8 dicembre alle 11.

8 Dicembre 2023
11:00 ama12:00 pm

Incroci e suggestioni, lungo il ‘900 e oggi, tra jazz e classica. Si parte da due trascrizioni, dal pianoforte all’ensemble, di partiture del ‘900 – di Ervin Schulhoff e di Igor Stravinskij – che hanno esplorato alcuni margini tra i due generi. Schulhoff riprende le movenze di quel jazz che raggiungeva l’Europa nei primi decenni del ‘900, mentre Stravinsky lo rispecchia attraverso la sua personale propensione per i poliritmi e il montaggio spiazzante.

Il brano di Mattia Grott procede leggero e ironico nel suo elegante dipanarsi. Infine, una nuova composizione del 2023 di Cosimo Colazzo, “Trittico del volo fratto e piano”, che realizza vitalissime testure poliritmiche, mentre al suo centro apre distese di stati sonori sottratti e incantati.

L’ingresso è libero.

Di seguito il programma dettagliato:

PROGRAMMA

Ervin Schulhoff  (1894-1942)

       
Pittoresken (1919) per flauto, clarinetto, sax e pianoforte Trascrizione (2023) per ensemble, dall’originale per pianoforte, di Daniele Grott   I II III IV V  
Igor Stravinskij (1882-1971) Piano Rag Music (1919) per flauto, clarinetto, sax e pianoforte Trascrizione (2023) per ensemble, dall’originale per pianoforte, di Daniele Grott  
Mattia Grott (1996) Trio Galante (2023) per flauto, clarinetto, sax
Cosimo Colazzo (1964) Trittico del volo fratto e piano (2023) per flauto, clarinetto, sax Volo di stringhe Uno spazio nel mezzo Tarolabyrinthe IV  

Agorart Ensemble è un ensemble dedito alla musica contemporanea sorto nell’incubatore/aggregatore Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, che raccoglie musicisti con rilevanti esperienze nel campo, distinti inoltre da versatilità, flessibilità, interlocuzione con sperimentazioni aperte e sfidanti. Numerose sono le prime esecuzioni assolute presentate in pubblico, di nuove opere di compositori che hanno scritto lavori appositamente per l’Associazione Culturale “Piazza del Mondo” e per l’ensemble, quali Agostini, Aralla, Bombardelli, Bosco, Camarero, Colazzo, Colombo Taccani, De Sanctis De Benedictis, Quintero, Rolli, e diversi altri. Ha tenuto concerti in Italia e in Spagna collaborando con il festival Encuentros Sonoros di Siviglia e con l’ensemble Taller Sonoro, con Conservatorio e Università di Siviglia.

L’Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, con sede a Rovereto (TN), nasce dall’intento di fare cultura promuovendo il confronto interdisciplinare, la relazione tra territori, il dialogo delle alterità. Ha realizzato numerose manifestazioni, tra cui, Sapere e futuro, Prospettive dell’identità, Storie di genere, Agorà Forum & Sounds, Mondi pluriversi, Come nasce un’opera, Resistenza e resilienza, Meditazione e comunità, Mondi senza frontiere, Mondi diversi, Scrittura e impegno civile. Incubatore di nuove creatività, supporta compositori e interpreti con iniziative ad alto tasso di innovazione, come nel caso degli ensemble Agorart e MP Saxophone Quartet. Realizza pubblicazioni con gli editori Armando e Castelvecchi.

Info: www.piazzadelmondo.it; segreteria@piazzadelmondo.it

LOCANDINA – (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA DI SALA – (PDF, pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)

Presentazione del libro, voluto da Piazza del Mondo e pubblicato con Castelvecchi, dedicato a Maria Attanasio, con una molteplicità di voci critiche. A Catania, Libreria Cavallotto, sabato 2 dicembre ore 17:30

2 Dicembre 2023
5:30 pma7:00 pm
5:30 pma7:00 pm
5:30 pma7:00 pm

Sabato 2 dicembre alle 17:30 a Catania presentazione alla Libreria Ubik Cavallotto in Corso Sicilia del volume che abbiamo pubblicato con Castelvecchi editore dedicato a Maria Attanasio, a cura di Giuliana Adamo e Miguel Angel Cuevas, titolo “Maria Attanasio. Quattro decadi di bifronte scrittura disobbediente”. La presentazione vedrà la presenza della scrittrice in dialogo con i curatori e il pubblico. Il libro comprende scritti delle voci critiche più attente alla narrativa e alla poesia dell’autrice siciliana, che sono state riunite in un Convegno internazionale promosso dall’Università di Valencia nel 2022. L’Associazione Piazza del Mondo ha avuto l’onore di collaborarvi e ha promosso la pubblicazione del volume presso Castelvecchi editore.

Un nuovo concerto di Agorart ensemble, che indaga i rapporti tra strumenti acustici e elettronica, dedicato a opere nuove, alcune in prima esecuzione. Domenica 26 novembre alla Sala della Fondazione CARITRO di Rovereto

26 Novembre 2023
11:00 ama12:00 pm

Prosegue il percorso che si sta realizzando intorno ai rapporti tra strumenti acustici e elettronica, da parte di Agorart ensembe, con nuove partiture, alcune scritte appositamente per il progetto o individuate tramite call dedicate. Ne tratterà un concerto in programma alla Sala della Fondazione Caritro di Rovereto (Piazza Rosmini 5), domenica 26 novembre alle ore 11. Con musiche di Snow, Oliveira, Veldhuis, Gleave, Pérez. Interprete, come detto, Agorart ensemble nella formazione con: Davide Baldo (flauto in Sol), Emanuele Dalmaso (clarinetto e sax contralto), Mattia Grott (sax soprano e elettronica).

La musica elettronica ha rappresentato storicamente una via di ricerca volta a esplorare la materia sonora in moltissimi suoi risvolti, grazie a una tecnologia sempre più capace, duttile, sofisticata. Le dimensioni dell’acustico e dell’elettronico dialogano in molte opere, ricercando flussi di possibilità sonore, dialoghi, o montaggi a contrasto. Una varietà di soluzioni musicali, dove il suono è vissuto in termini larghi e per orizzonti estesi.


PROGRAMMA

David Jason Snow (1954)   A night in Absurdistan per flauto in Sol, clarinetto e tape  
João Pedro Oliveira (1959)   A escada estreita (1999) per flauto in Sol e tape  
Jacob ter Veldhuis (1960)   Billie (2003) per sax alto e tape  
Rylan Gleave Winding through seaweed  per sax soprano e tape  
Justino Eustacio Pérez Malicious intent (2021) per sax soprano, sax contralto e tape  

Agorart Ensemble è un ensemble dedito alla musica contemporanea sorto nell’incubatore/aggregatore Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, che raccoglie musicisti con rilevanti esperienze nel campo, distinti inoltre da versatilità, flessibilità, interlocuzione con sperimentazioni aperte e sfidanti. Numerose sono le prime esecuzioni assolute presentate in pubblico, di nuove opere di compositori che hanno scritto lavori appositamente per l’Associazione Culturale “Piazza del Mondo” e per l’ensemble, quali Agostini, Aralla, Bombardelli, Bosco, Camarero, Colazzo, Colombo Taccani, De Sanctis De Benedictis, Quintero, Rolli, e diversi altri. Ha tenuto concerti in Italia e in Spagna collaborando con il festival Encuentros Sonoros di Siviglia e con l’ensemble Taller Sonoro, con Conservatorio e Università di Siviglia.


L’Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, con sede a Rovereto (TN), nasce dall’intento di fare cultura promuovendo il confronto interdisciplinare, la relazione tra territori, il dialogo delle alterità. Ha realizzato numerose manifestazioni, tra cui, Sapere e futuro, Prospettive dell’identità, Storie di genere, Agorà Forum & Sounds, Mondi pluriversi, Come nasce un’opera, Resistenza e resilienza, Meditazione e comunità, Mondi senza frontiere, Mondi diversi, Scrittura e impegno civile. Incubatore di nuove creatività, supporta compositori e interpreti con iniziative ad alto tasso di innovazione, come nel caso degli ensemble Agorart e MP Saxophone Quartet. Realizza pubblicazioni con gli editori Armando e Castelvecchi.

Info: www.piazzadelmondo.it; segreteria@piazzadelmondo.it

LOCANDINA: (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA DI SALA (PDF – pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)

Un’opera comica che irride alla cultura di sovranismo e razzismo, come inscritte nella figura del giovin signore, che quante ne fa tante ne sbaglia. Mentre la locandiera e Musicape canzonano e commentano. Una carambola di situazioni spiazzanti, giochi di parole, un’infilzata di citazioni musicali, nell’opera comica di Cosimo Colazzo su libretto di Giuliana Adamo. Insieme con una composizione video appositamente ideata da Francesco Casu. All’Auditorium del Conservatorio di Trento sabato 25 novembre alle ore 20:45

25 Novembre 2023
8:45 pma10:00 pm

Si conclude una fase intensa di iniziative programmate dall’Associazione Culturale Piazza del Mondo con un’ opera, in programma a Trento, all’Auditorium del Conservatorio di musica F.A Bonporti, sabato 25 novembre alle ore 20:45, un’opera comica di Cosimo Colazzo, su libretto di Giuliana Adamo, dal titolo La locandiera, Musicape e il giovin signore. L’opera è una satira di estrema attualità su certo populismo da spiaggia. Il giovin signore adombra un personaggio ottuso e arrogante, presente in ogni tempo. La locandiera, che possiede lo spirito acuto dell’intelligenza femminile popolare, gli tiene testa: sembra assecondarlo, ma per prendersene gioco. Musicape (nome che richiama un personaggio favolistico di Maria Lai e il suo essere dotata di una mente bambina contro ogni conformismo) è personaggio che ronza curiosa intorno alle azioni degli umani e le commenta ilare e pungente. Giochi linguistici, nel testo, nella musica: associazioni, innesti, scivolamenti, finestre di citazioni. C’è il gusto dello spiazzamento, ma anche un gioco molto serio, di riflessione su un mondo che ci è prossimo e vicino. Personaggi e interpreti: la locandiera: Patrizia Zanardi (soprano); il giovin signore: Paolo Leonardi (basso); Musicape: Giuseppe Calliari (voce recitante). Per la parte strumentale: Agorart Ensemble, che è ensemble in residence dell’Associazione Piazza del Mondo di Rovereto: Emanuele Dalmaso (sax); Leonardo Graziola (violoncello); Mirko Satto (accordeon); Mirko Pedrotti (percussioni); Andrea Gargiulo (pianoforte). Direttore: Cosimo Colazzo. Regia video e live editing: Francesco Casu. Montaggio e postproduzione: Roberto Putzu; disegni originali: Sean Scaccia. Saranno sipario all’opera: un’interpretazione musicale di Stockhausen (Davide Baldo, ottavino) con video di Francesco Casu; un’intervista a Maria Lai; e una fiaba di Maria Lai interpretata in un video con la regia di Francesco Casu.

L’ingresso allo spettacolo è libero


Sipario

Karlheinz Stockhausen,

Zungenspitzentanz per ottavino da Samstag aus Licht. Davide Baldo (ottavino), con un video di Francesco Casu

Maria Lai, Curiosape. Video di Francesco Casu

L’opera

La locandiera, Musicape e il giovin signore – opera comica –

Musica di Cosimo Colazzo | Libretto di Giuliana Adamo

La locandiera, Patrizia Zanardi (soprano) | Il giovin signore, Paolo Leonardi (basso) | Musicape, Giuseppe Calliari (voce recitante) | Agorart ensemble: Emanuele Dalmaso (sax), Leonardo Graziola (violoncello), Mirko Satto (accordeon), Mirko Pedrotti (percussioni), Andrea Gargiulo (pianoforte) | Direttore Cosimo Colazzo

Regia video e live editing: Francesco Casu

Montaggio e postproduzione: Roberto Putzu | disegni originali Sean Sciacca


Un’opera comica contro il sovranismo machista

L’opera presenta una satira di estrema attualità su certo populismo-sovranismo urlato e machista. Il giovin signore può spopolare sui social con il suo fare sfrontato e le sue battute sempre malriuscite, ma la locandiera, che possiede lo spirito acuto dell’intelligenza popolare, gli tiene testa, lo asseconda per prendersene gioco. Musicape (nome che richiama volutamente un personaggio favolistico della pittrice Maria Lai, la sua sensibilità e il suo impegno sociale) è personaggio che ronza intorno alle azioni, le commenta attentissima a tutto, curiosa e pungente.

Giochi linguistici, nel testo e nella musica: associazioni, innesti, scivolamenti, finestre di citazioni. Il gusto dello spiazzamento, ma anche un gioco molto serio, di riflessione su un mondo che ci è prossimo e vicino.


Il libretto


Gli autori

Cosimo Colazzo, compositore, pianista, direttore d’orchestra, è autore di una vasta produzione, premiato in concorsi nazionali e internazionali. La sua musica è stata eseguita in vari paesi europei, negli Stati Uniti, in America Latina, in Giappone, ed è pubblicata da Rai.com. Nel campo dell’opera e del teatro musicale, è autore dell’opera Francisca, delle opere comiche La locandiera, Musicape e il giovin signore (libretto di Giuliana Adamo), Il latifondo magico (libretto di Vito Riviello), dell’opera-balletto Sotto i colpi del sole di ferro (testo di Salvatore Colazzo), dei melologhi Les dés des ordres (con testi di Emilio Villa), L’attesa (testo del compositore, da Simone Weil). È autore di saggi e volumi pubblicati in Italia e all’estero.

Giuliana Adamo, docente di Lingua e Letteratura italiana al Department of Italian del Trinity College di Dublino è autrice di libri e saggi dedicati alla letteratura del ‘900 (Palazzeschi; il futurismo, Vincenzo Consolo; Umberto Eco, Luigi Meneghello; Maria Attanasio; Antonella Anedda gli autori studiati e analizzati), alla storia della resistenza (la figura di Vittore Bocchetta), a questioni spinose dell’attualità (mafia e ‘ndrangheta), pubblicati da editori importanti tra cui Salerno, Manni, Longo, Castelvecchi, Armando, Viella, CUEC.


Gli interpreti

Patrizia Zanardi, soprano, interpreta ruoli principali del grande repertorio operistico – Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini – per il Teatro Massimo di Palermo, Teatro Regio di Parma, Verdi di Trieste, Donizetti di Bergamo, Ponchielli di Cremona, Festival della Valle d’Itria a Martina Franca, Taormina Arte Festival, Teatro Cervantes Malaga, Concertgebouw di Amsterdam, Teatro La Monnaie Bruxelles, New York City Opera, Minnesota Opera, Auditório Ibirapuera São Paulo do Brasil, Seoul Arts Center Opera House, NHK Hall di Tokyo tra molti altri.

Paolo Leonardi, giovane basso-baritono diplomato nel 2019 in musica vocale da camera sotto la guida di Roberto Abbondanza con il massimo dei voti e la lode all’ISSM Giulio Briccialdi di Terni, prosegue gli studi presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma dove si specializza con Sara Mingardo in Canto rinascimentale e barocco. Accanto agli studi accademici, completa la sua formazione seguendo corsi con Isabel Yi Man Chuan, Maria Tomanova, Maria Chiara Pavone, Luciana Serra, Alda Caiello ed Elizabeth Norberg-Schulz. Ha debuttato i ruoli di Benoit e Alcindoro ne La bohème e di Colas in Bastien und Bastienne.

Giuseppe Calliari, musicista, docente, scrittore, poeta, divulgatore, è tra le figure intellettuali di rilievo nel panorama culturale. Autore di testi e libretti per musica, ha pubblicato saggi musicologici tra cui assumono rilievo una monografia dedicata all’opera di Ferruccio Busoni, la curatela degli scritti di Andrea Mascagni.

Agorart Ensemble è un ensemble dedito alla musica contemporanea sorto nell’incubatore/aggregatore Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, che raccoglie musicisti con rilevanti esperienze nel campo, distinti inoltre da versatilità, flessibilità, interlocuzione con sperimentazioni aperte e sfidanti. Numerose sono le prime esecuzioni assolute presentate in pubblico, di nuove opere di compositori che hanno scritto lavori appositamente per l’Associazione Culturale “Piazza del Mondo” e per l’ensemble, quali Agostini, Aralla, Bombardelli, Bosco, Camarero, Colazzo, Colombo Taccani, De Sanctis De Benedictis, Quintero, Rolli, e diversi altri. Ha tenuto concerti in Italia e in Spagna collaborando con il festival Encuentros Sonoros di Siviglia e con l’ensemble Taller Sonoro.

Francesco Casu,progettista, regista, artista multimediale, conta tra le altre esperienze, installazioni video alla Galleria degli Uffizi, al MAXXI di Roma. Interlocutore privilegiato per quanto riguarda la trasmissione del mondo culturale sardo, ha curato e progettato le installazioni dei più importanti centri di cultura dell’isola, dal Museo sulla poesia improvvisata di Bitti al Museo delle Maschere di Mamoiada, dalla Stazione dell’Arte di Ulassai al parco Grazie Deledda e lo spazio dedicato a Salvatore Cambosu. La sua è un’esperienza che affonda nelle sperimentazioni degli anni ’80 di musica elettronica e video-arte, arrivando a ridisegnare nuove forme di esperienze, a dare forma alla realtà percettiva con le nuove tecnologie.


Produzione

L’Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, con sede a Rovereto (TN), nasce dall’intento di fare cultura promuovendo il confronto interdisciplinare tra gli ambiti umanistico, scientifico, artistico; la relazione tra territori diversi; il dialogo delle alterità. Dalla sua nascita, nel 2016, ha realizzato numerose manifestazioni, tra cui, Sapere e futuro, Prospettive dell’identità, Storie di genere, Agorà Forum & Sounds, Mondi pluriversi, Come nasce un’opera, Resistenza e resilienza, Meditazione e comunità, Mondi senza frontiere, Mondi diversi, Scrittura e impegno civile. Incubatore di nuove creatività, supporta compositori e interpreti con iniziative ad alto tasso di innovazione. Al suo interno agisce Agorart ensemble, un gruppo di musicisti dedito alle musiche del Novecento e contemporanee. Realizza pubblicazioni in collaborazione con gli editori Armando e Castelvecchi.  Info: www.piazzadelmondo.it; segreteria@piazzadelmondo.it

LOCANDINA Opera LA LOCANDIERA, MUSICAPE E IL GIOVIN SIGNORE – (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA DI SALA Opera LA LOCANDIERA, MUSICAPE E IL GIOVIN SIGNORE – (PDF – pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)
LIBRETTO opera LA LOCANDIERA, MUSICAPE E IL GIOVIN SIGNORE – (PDF, lettura web)

Un concerto dedicato a compositori di generazioni diverse, tra poetiche del vago e segni più nitidi e precisi. L’arpista Francesca Tirale propone un itinerario dentro il ‘900 e il contemporaneo per l’arpa. Alla Sala Filarmonica di Rovereto giovedì 16 novembre alle 20:45

16 Novembre 2023
8:45 pma10:00 pm

Un concerto chiude un’intensa settimana di eventi organizzati dall’Associazione Culturale Piazza del Mondo, tra Trento e Rovereto, con incontri culturali (giornate di studio, tavole rotonde) e performance (opera, teatro, concerti, eventi multimediali). Un’irradiazione di temi e proposte che è parte di un programma che l’Associazione ha attivo lungo l’anno. Sono intervenute collaborazioni importanti, come quella del Conservatorio di musica “F.A Bonporti” e della Biblioteca Civica “G. Tartarotti” di Rovereto.

Il concerto di cui diciamo è in programma giovedì 16 novembre, alle ore 20.45, alla Sala Filarmonica di Rovereto, e ha come protagonista l’arpa con un’interprete di richiamo, Francesca Tirale.

Il concerto, dal titolo Le vive corde del ‘900 contemporaneo, propone pagine di autori del ‘900 e di compositori contemporanei. L’arpa nel ‘900 è stata oggetto di invenzione e investigazione da parte di molti compositori. Esplorata nel segno di poetiche impressionistiche da molti autori, specie francesi, è stata vista diversamente da altri compositori, quasi in un contro-movimento contro le retoriche del vago, come portatrice di valori del segno preciso e netto, oppure capace di ampliare il suo universo sonoro verso regioni nuove e inedite. Il concerto propone un orizzonte composito di opere mettendo in risonanza compositori di generazioni diverse.

Nel concerto saranno proposte musiche di

Francesca Tirale si è laureata con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia sotto la guida di Anna Loro e si è perfezionata in Francia con Elizabeth Fontan-Binoche. Consolidata la sua preparazione accademica, ha quindi dato inizio a una vivace e intensa attività concertistica che l’ha portata a collaborare con prestigiosi festival e società musicali sia come solista che in ensemble cameristici tra cui Sentieri Selvaggi, Dedalo Ensemble ed Ensemble Windkraft. È da diversi anni prima arpa dei Virtuosi e ha collaborato con importanti istituzioni sinfoniche come l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchesta Haydn di Trento e Bolzano. Ha all’attivo numerose prime esecuzioni assolute, tra cui la Fantasia per arpa di C. Togni, e composizioni solistiche e da camera di altri autori quali A. Giacometti, M. Montalbetti, E Bruni. Ha al suo attivo registrazioni per le prestigiose etichette discografiche Stradivarius, Da Vinci e Sony Bmg.

PROGRAMMA

Marcel Tournier (1879-1951) Vers la Source dans le bois (1922)  
Edoardo Bruni (1975) da Ars Modi – 7 Metatropès (2016) – n. 1 – Fluido; n. 4 – Vago  
Goffredo Petrassi (1904-2003)   Flou (1980)  
Benjamin Britten (1913-1976)   Interludio (1942)  
Camillo Togni (1922-1993)   Fantasia (1993)
Franco Mannino (1924-2005) Tre canzoni (1979)

Prossimi eventi

Sabato 25 novembre 2023 | 20:45 | Trento | Auditorium del Conservatorio di musica “F.A. Bonporti” | Opera | La locandiera, Musicape e il giovin signore | opera comica | Musica di Cosimo Colazzo | Libretto di Giuliana Adamo | Regia video e live editing Francesco Casu | Interpreti: La locandiera, Patrizia Zanardi (soprano) | Il giovin signore, Paolo Leonardi (basso) | Musicape, Giuseppe Calliari (voce recitante) | Agorart ensemble: Emanuele Dalmaso (sax), Leonardo Graziola (violoncello), Mirko Satto (accordeon), Mirko Pedrotti (percussioni), Andrea Gargiulo (pianoforte) | Direttore Cosimo Colazzo  | Montaggio e postproduzione: Roberto Putzu | disegni originali Sean Sciacca


L’Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, con sede a Rovereto (TN), nasce dall’intento di fare cultura promuovendo il confronto interdisciplinare, la relazione tra territori, il dialogo delle alterità. Ha realizzato numerose manifestazioni, tra cui, Sapere e futuro, Prospettive dell’identità, Storie di genere, Agorà Forum & Sounds, Mondi pluriversi, Come nasce un’opera, Resistenza e resilienza, Meditazione e comunità, Mondi senza frontiere, Mondi diversi, Scrittura e impegno civile. Incubatore di nuove creatività, supporta compositori e interpreti con iniziative ad alto tasso di innovazione, come nel caso degli ensemble Agorart e MP Saxophone Quartet. Realizza pubblicazioni con gli editori Armando e Castelvecchi.


Info: Associazione Culturale Piazza del Mondo – segreteria@piazzadelmondo.it – www.piazzadelmondo.it


LOCANDINA Concerto Le vive corde – (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA SALA Concerto Le vive corde – (PDF pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)

Poesia e traduzione si propongono in uno specchio formante e dinamico. La traduzione non è atto meramente applicativo, bensì creativo. Perciò abbisogna di coltivarsi insieme con la parola, e soprattutto la parola poetica che attiva risonanze e sfumature sottili. Se ne parla in una tavola rotonda organizzata dall’Associazione Culturale Piazza del Mondo, presso la Sala Multimediale della Biblioteca Civica “G. Tartarotti” di Rovereto. Giovedì 16 novembre a partire dalle ore 16. Con Marco Sonzogni, Giuliana Adamo e Antonella Anedda

16 Novembre 2023
4:00 pma6:00 pm
4:00 pma6:00 pm

Una tavola rotonda, nel pomeriggio di  giovedì 16 novembre, a partire dalle ore 16, alla Sala Multimediale della Biblioteca Civica “G. Tartorotti” di Rovereto (contestualmente online su Zoom: https://us02web.zoom.us/j/89378434410), organizzata dall’Associazione Culturale “Piazza del Mondo”, è dedicata ai temi dei rapporti tra poesia e traduzione. La tavola rotonda, dal titolo Voci dai margini. Reti di poesia e traduzione. In occasione del decennale della scomparsa del poeta irlandese premio Nobel Seamus Heaney, incrocerà le voci di Marco Sonzogni (poeta e traduttore, in specificio il traduttore, in Italia, di Seamus Heaney), di Giuliana Adamo (docente al Trinity College di Dublino) e Antonella Anedda (saggista, poeta tra le più prestigiose, e non solo in Italia, docente all’Università della Svizzera Italiana). La parola poetica si nutre di un’origine, ma anche di voci differenti, è rete di voci poetiche differenti. Poesia e traduzione possono farsi specchio per quelle voci di poeti che sono sempre nell’aperto della formazione della parola.

Nella mattinata dello stesso giorno, un’altra tavola rotonda, sempre alla Biblioteca Civica “G. Tartarotti” di Rovereto, a partire dalle 10, è dedicata alla figura e all’opera di Antonio Verri, scrittore, poeta, artista e intellettuale multiverso, cui, in parallelo, è dedicata un’esposizione di opere ispirate alla poetica dell’aperto come praticata da Cage, sempre alla Biblioteca Civica di Rovereto.

Nella serata dello stesso giovedì 16 novembre, si chiude l’intensa giornata con un concerto dell’arpista Francesca Tirale che propone pagine di autori del ‘900 e di compositori contemporanei. L’arpa nel ‘900 è stata oggetto di invenzione e investigazione da parte di molti compositori. Esplorata nel segno di poetiche impressionistiche da molti autori, specie francesi, è stata vista diversamente da altri compositori, quasi in un contro-movimento contro le retoriche del vago, come portatrice di valori del segno preciso e netto, oppure capace di ampliare il suo universo sonoro verso regioni nuove e inedite. Il concerto propone un orizzonte composito di opere mettendo in risonanza compositori di generazioni diverse.


Info: Associazione Culturale Piazza del Mondo – segreteria@piazzadelmondo.it – www.piazzadelmondo.it


LOCANDINA TAVOLA ROTONDA (Poesia-traduzione) – (PDF) – (JPEG)
OPUSCOLO GENERALE Incontri e Performance – (PDF – pp. 1-16) – (PDF – Opuscolo)
LOCANDINA Concerto Le vive corde – (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA SALA Concerto Le vive corde – (PDF pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)

Una tavola rotonda dedicata alla figura e all’opera di Antonio Verri, artista multiverso, innanzitutto poeta e scrittore, che però in alcuni casi ha aperto la parola al visivo, integrando linguaggi e materiali diversi, si tiene giovedì 16 novembre dalle 10 alla Biblioteca Civica “G. Tartarotti” di Rovereto. Un’esperienza, quella di Verri, che sente le possibilità positive del caso, del differente e diverso che si stratificano, entrano in una relazione. Allo stesso Verri è dedicata una esposizione di sue opere, che sono nel segno di Cage, sempre alla Biblioteca Civica (sino al 26 novembre)

16 Novembre 2023
10:00 ama12:30 pm

Una tavola rotonda nella mattinata di giovedì 16 novembre, a partire dalle ore 10:00, alla Sala Multimediale della Biblioteca Civica “G. Tartarotti” (e contestualmente online su piattaforma Zoom: https://us02web.zoom.us/j/89378434410) è dedicata alla figura del poeta, scrittore, artista di poesia-visiva, operatore culturale altamente sperimentale, Antonio Verri. La tavola rotonda, dal titolo Poesia dei margini, e dai margini all’aperto. Le scritture di Antonio Verri, – con Giuliana Adamo, Cosimo Colazzo, Salvatore Colazzo, Antonio Errico, Mauro Marino, Salvatore Rizzello – proporrà un profilo della straordinaria, plurale opera creativa dello scrittore e poeta, come anche l’itinerario di un marginale, di un artista periferico, che da questa sua posizione ellittica e forse proprio per questo ha saputo gettarsi nell’aperto sperimentale fuori da parole d’ordine o accademismi.

Ad Antonio Verri – ricordiamo – è dedicata anche un’esposizione di sue opere visive, dal 10 al 26 novembre presso la Sala Multimediale della Biblioteca Civica “G. Tartarotti” di Rovereto, dal titolo Antonio Verri. Tredici tavole per John Cage. Quando, decostruendo, l’armonia dilaga. Tredici opere che sono collage di reperti del quotidiano, strisce e stringhe di parole, slogan, titoli, pubblicità, immagini, ritagli: un itinerario che, sulla traccia di Cage, disegna l’interesse di Verri per l’aperto, per le capacità che il caso mette in campo, di trovare coaguli inattesi, come pure per le molteplici stratificazioni di segni e oggetti diversi.

Nel pomeriggio dello stesso giovedì 16 novembre, a partire dalle ore 16, sempre alla Sala Multimediale della Biblioteca Civica “G. Tartorotti” di Rovereto, è in programma un’altra tavola rotonda, dedicata ai temi dei rapporti tra poesia e traduzione, dal titolo Voci dai margini. Reti di poesia e traduzione. In occasione del decennale della scomparsa del poeta irlandese premio Nobel Seamus Heaney, con Marco Sonzogni, Giuliana Adamo e Antonella Anedda.

In serata, la giornata si conclude con un concerto dell’arpista Francesca Tirale che propone pagine di autori del ‘900 e di compositori contemporanei. L’arpa nel ‘900 è stata oggetto di invenzione e investigazione da parte di molti compositori. Esplorata nel segno di poetiche impressionistiche da molti autori, specie francesi, è stata vista diversamente da altri compositori, quasi in un contro-movimento contro le retoriche del vago, come portatrice di valori del segno preciso e netto, oppure capace di ampliare il suo universo sonoro verso regioni nuove e inedite. Il concerto propone un orizzonte composito di opere mettendo in risonanza compositori di generazioni diverse.


Info: Associazione Culturale Piazza del Mondo – segreteria@piazzadelmondo.it – www.piazzadelmondo.it


LOCANDINA TAVOLA ROTONDA (Verri) – (PDF) – (JPEG)
OPUSCOLO GENERALE Incontri e Performance – (PDF – pp. 1-16) – (PDF – Opuscolo)
LOCANDINA Concerto Le vive corde – (PDF) – (JPEG)
PROGRAMMA SALA Concerto Le vive corde – (PDF pp. 1-4) – (PDF – Opuscolo)