IONI PESANTI: ULTIME FRONTIERE DELLA RICERCA SUL CANCRO. UN INCONTRO CULTURALE – VENERDI’ 24 NOVEMBRE – AL MUSE. RICERCA MUSICALE, MUSICHE NUOVE E RECENTI, IN UN CONCERTO – DOMENICA 26 NOVEMBRE – CON IL MOTOCONTRARIO ENSEMBLE ALLA SALA CARITRO A TRENTO

24 novembre 2017
10:00 ama12:00 pm
26 novembre 2017
11:00 ama1:00 pm

Cosa hanno in comune la terapia del cancro e una missione su Marte? Le radiazioni, meglio note scientificamente come “ioni pesanti”.

A illuminare la questione, a Trento, per un incontro organizzato dall’Associazione culturale “Piazza del Mondo”, che si terrà al MUSE, Museo delle scienze, venerdì 24 novembre prossimo a partire dalle ore 10:00, sarà un grande scienziato, il fisico Marco Durante, che dirige il prestigioso TIPFA-INFN (Trento Institute for Fundamental Physics and Application dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), leader mondiale nel campo della radiobiologia e della fisica medica.

Si tratta del secondo incontro nel 2017-2018 organizzato dall’Associazione Piazza del Mondo, all’interno della serie Sapere e Futuro, che muove da un intento di divulgazione e partecipazione culturale, con il coinvolgimento dei due poli scientifico e umanistico, indirizzato soprattutto ai più giovani per contribuire a  suscitarne l’interesse e la curiosità necessarie alle scelte che faranno per pensare, preparare e costruire il loro futuro.

Sapere e Futuro è un’iniziativa realizzata con il contributo di Fondazione CARITRO e Consorzio BIM dell’Adige, con la collaborazione di MUSE Museo delle Scienze e Associazione Culturale MotoContrario. Media partner dell’iniziativa è il quotidiano “Corriere del Trentino”.

Ioni pesanti: dalla terapia del cancro alla missione su Marte è il titolo dato dal professor Durante all’incontro del 24 novembre al MUSE, che sarà introdotto da Andrea Caranti, docente all’Università di Trento.

Marco Durante è uno dei grandi protagonisti della ricerca scientifica in Italia e nel mondo. Parlerà, in quest’incontro – che è aperto a tutti e a ingresso libero –, con uno stile altamente divulgativo, per un pubblico di studenti delle scuole superiori, di giovani ricercatori, di appassionati di scienze, fisica e biologia, delle avanzatissime ricerche che sta conducendo l’Istituto di ricerca che dirige a Trento, il TIFPA, in particolare degli studi e delle applicazioni che riguardano gli ioni pesanti.

Questi  sono particelle cariche di alta energia che si trovano nei raggi cosmici e  sono schermate dal campo geomagnetico terrestre e dall’atmosfera.

Queste radiazioni – che possono essere prodotte in grandi acceleratori di particelle, come quelli del CERN – sono ambivalenti: da un lato rappresentano un rischio per gli astronauti, che operando al di fuori della protezione terrestre sono esposti ai protoni e ioni pesanti solari e galattici. Dall’altro, essi rappresentano dei proiettili molto efficaci contro il cancro.

La ricerca spaziale si unisce a quella medica prefigurando scenari avanzatissimi e sorprendenti.

Durante parlerà di come la fisica medica oggi sia  fondamentale nel mettere a punto diagnosi e terapie nell’incessante lotta contro il cancro soffermandosi sui risultati più recenti e innovativi della prestigiosa ricerca della sua équipe.

Il professor Marco Durante è direttore, dall’aprile 2105, del prestigioso Trento Institute for Fundamental Physics and Application (TIFPA) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). In precedenza ha lavorato come direttore del Dipartimento di Biofisica presso il Centro per la ricerca sugli ioni pesanti GSI HELMHOLTZ (Darmstadt, Germania). È inoltre professore a contratto sia presso la Temple University di Philadelphia (USA), sia presso il GUNMA College of Medicine (Giappone).

Marco Durante ha conseguito il dottorato nel 1992 e ha dedicato la sua attività di ricerca alla biofisica delle particelle cariche con applicazioni alla terapia oncologica e alla radioprotezione nello spazio.

È co-autore di oltre 300 lavori su riviste scientifiche e di un brevetto sulla terapia protonica. È riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali della materia.

A seguire l’evento del 24, si terrà – organizzato dall’Associazione culturale “Piazza del Mondo” –  domenica 26 novembre alle ore 11.00, nella Sala CARITRO  a Trento, il concerto Visioni del suono e del tempo, con il MotoContrario Ensemble.

Si tratta di due opportunità di arricchimento per la società civile, di grande portata scientifica e musicale. Da non perdere.

———–

INFO:

Associazione culturale ‘Piazza del Mondo’ – web: www.piazzadelmondo.it – email: segreteria@piazzadelmondo.it

CONTRO LE MAFIE. VOCI DALLA SOCIETA’ CIVILE. UN INCONTRO CON EDOARDO ZAFFUTO (CO-FONDATORE DI ADDIOPIZZO). E UN CONCERTO CON MOTOCONTRARIO ENSEMBLE.

17 novembre 2017
9:00 ama11:00 am
19 novembre 2017
11:00 ama1:00 pm

Nuova stagione di eventi per la rassegna “Sapere e futuro” organizzata dall’Associazione culturale “Piazza del mondo” di Trento. Edoardo Zaffuto, cofondatore di “Addiopizzo” sarà protagonista di un incontro pubblico sul tema del contrasto alle mafie attraverso concreti interventi nel corpo della società civile. L’incontro si terrà a Mezzolombardo all’Istituto Martini venerdì 17 novembre alle ore 9:00. Introduce Giuliana Adamo (Trinity College Dublin). L’ingresso è libero.
Domenica 19 novembre si terrà un concerto alla Sala Caritro a Trento alle ore 11.00 con il MotoContrario ensemble. Anche per quest’evento l’ingresso è libero.


La Sicilia è luogo di incanto e di tempi sospesi, ma è anche terra di riscatto e proteste, terra di innovazione. Qui sono nati movimenti estremamente dinamici e di forte impatto dal punto di vista culturale.
Una di queste esperienze è quella di Addiopizzo, movimento, associazione, comitato che combatte la mafia, e non solo a parole. Con una militanza molto aderente al concreto, ai fatti, riuscendo a cambiare molto nelle mentalità e nei comportamenti.
Di questo si parlerà grazie a un evento organizzato dall’Associazione Culturale Piazza del mondo di Trento. Venerdì 17 Novembre alle ore 9.00, all’Istituto “Martini” di Mezzolombardo, si terrà, infatti, un incontro con Edoardo Zaffuto dal titolo: Addiopizzo: la Sicilia che si ribella alla Mafia. Introduce l’incontro Giuliana Adamo docente al Trinity College di Dublino.
Si tratta del primo incontro, nell’a.a. 2017-2018, organizzato dalla Associazione Piazza del Mondo, nel suo secondo anno di attività, all’interno della serie Sapere e Futuro che ha riscosso un grande successo nell’anno passato. Sapere e futuro muove da un intento di divulgazione e partecipazione culturale  rivolto soprattutto ai più giovani per contribuire a  suscitarne l’interesse e la curiosità necessarie alle scelte che faranno per pensare, preparare e costruire il loro futuro.
Sapere e Futuro è un’iniziativa realizzata con il contributo di Fondazione CARITRO, Consorzio BIM dell’Adige, con la collaborazione di MUSE Museo delle Scienze e Associazione Culturale MotoContrario. Media partner dell’iniziativa è il quotidiano “Corriere del Trentino”.
Edoardo Zaffuto è uno dei fondatori del Comitato Addiopizzo, movimento antimafia nato la mattina del 29 giugno 2004  quando Palermo, al suo risveglio, trovò il proprio centro  storico tappezzato di adesivi listati a lutto con la scritta: Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità. Da allora Addiopizzo è impegnato principalmente sul fronte della lotta al racket delle estorsioni mafiose (il cosiddetto pizzo).
Zaffuto è quotidianamente attivo nella resistenza contro la mafia in Sicilia. Rivolgendosi al pubblico nell’Aula Magna dell’Istituto Martini – che sarà innanzitutto composto da giovani studenti, da docenti, e da quanti siano interessati a quest’importante iniziativa di impegno civico – racconterà la sua esperienza, il processo intrapreso, i risultati raggiunti grazie ad un coinvolgimento sempre maggiore della popolazione. Zaffuto parlerà anche dei nuovi progetti che stanno prendendo forma nella strenua lotta per la difesa dei diritti di chi fa l’imprenditore e di chi vuole vivere dignitosamente la propria vita lavorativa e non, senza cedere alla sopraffazione della mafia che ingiunge il pagamento del ‘pizzo’ parassitizzando il lavoro.
Addiopizzo è un’esperienza di reale contrasto perché, togliendo consistenza alla cultura della paura e dell’omertà su cui prosperano le mafie, raccoglie e convoglia la volontà di impresa in progetti che possono creare preziose occasioni e posti nel mondo del lavoro.  In virtù di questo, Addiopizzo si è fatto promotore di una diversa cultura del consumo, volta a sostenere le imprese affrancatesi dalla morsa letale del pizzo e ad assicurare dignità al lavoro di ciascuno. Zaffuto racconterà del contesto in cui opera Addiopizzo, della «rivoluzione culturale», delle nuove prospettive di sviluppo economico libere dalle imposizioni e resistenti alle intimidazioni, nel quadro di una Sicilia che si batte per il cambiamento, giorno dopo giorno.

Di seguito all’incontro del 17 novembre, e in continuità con i temi con affrontati da Zaffuto, domenica 19 novembre alle ore 11.00, nella Sala della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, a Trento, si terrà il concerto  Incanto e ribellioni del MotoContrario Ensemble (Cosimo Colazzo – pianoforte e direzione, Emanuele Dalmaso – sax, Marco Longo – pianoforte, Andrea Mattevi – viola, Riccardo Terrin – tromba).
Si tratta di due iniziative di grande portata civile e culturale che sarebbe bene non perdere.
Si ricorda, infine, che tutti gli eventi di “Sapere e futuro” sono a ingresso libero.
———–
INFO:
Associazione culturale ‘Piazza del Mondo’ – web: www.piazzadelmondo.it – email: segreteria@piazzadelmondo.it